Interrogazione di Sel alla Ministra: soldi dall’istruzione per costruire nave militare?

Alcuni giornali parlano del fatto che per finanziare una nave della Marina Militare, che servirà da appoggio alle forze speciali e per il soccorso ai sommergibili, si usano i fondi del Ministero della Pubblica Istruzione. Ma la ministra Carrozza lo sa?
Lo scrivono i deputati di Sinistra Ecologia Libertà in un’interrogazione alla titolare del dicastero di Viale Trastevere, su quanto riportato da Il Fatto Quotidiano nell’edizione di ieri circa l’utilizzo di 50 milioni di euro di fondi del ministero usati per sostenere i costi di una nave della Marina Militare.

“In Italia – proseguono i deputati di Sel – i costi per l’istruzione sono ben al di sotto della media europea e con i 50 milioni “distratti” dai capitoli del ministero si potrebbero, per esempio, finanziare 15 mila borse di studio. Nei giorni scorsi la ministra aveva dichiarato che si sarebbe dimessa in caso di tagli all’istruzione.  A questo punto – concludono i deputati di Sel – vogliamo sapere se quanto riportato da “Il Fatto Quotidiano” corrisponda al vero e per sapere dal Ministro Carrozza se condivida questa scelta e cosa intenda fare per ripristinare i fondi sottratti.

Di seguito il testo dell’interrogazione

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA al Ministro della Pubblica istruzione, università e ricerca
Per sapere – premesso che:
- il giorno 2 giugno il giornale Il Fatto Quotidiano ha pubblicato un articolo di  Emanuele Piovesana dal titolo “Festa della Repubblica Armata” in cui si elencano tutti gli investimenti e le spese per armamenti;
- in quest’articolo si afferma che 50 milioni di euro sarebbero stati presi dal bilancio del Ministero della Pubblica istruzione per sostenere i costi di una nave della marina militare di appoggio alle forze speciali e di soccorso ai sommergibili;
- i finanziamenti all’istruzione in Italia sono al di sotto delle necessità e abbiamo un tasso di abbandono scolastico superiore alla media europea e un numero di laureati inoltre alla media europea;
- con 50 milioni di euro potrebbero finanziarsi circa 15 mila borse di studio per gli studenti;
- la Ministra Carrozza ha dichiarato che si sarebbe dimessa dal suo incarico in caso di tagli all’istruzione-:
- se corrisponde a verità quanto affermato in premessa, ossia che siano state sottratte risorse al bilancio del Ministero dell’istruzione per il finanziamento di una nave militare;
- se il Ministro fosse a conoscenza e ha condiviso questa scelta;
- cosa intende fare il Ministro qualora non condivida questa scelta, per ridiscutere questa scelta e ripristinare i fondi stornati a favore di un investimento in una nave da guerra.

MARCON, COSTANTINO, DURANTI, FRATOIANNI, GIORDANO, PIRAS